Nei centri Sanitas di Crema (solo visita specialistica) e Orzinuovi (esami endoscopici) è presente l’ambulatorio di Gastroenterologia.
Il rischio di incorrere in malattie dell’apparato digerente si contrasta generalmente con l’adozione di uno stile di vita equilibrato e abitudini alimentari corrette. Alle prime avvisaglie di disturbi è consigliabile rivolgersi allo specialista. Le malattie dell’apparato digerente si manifestano con disturbi di carattere saltuario. Tuttavia, se i sintomi si ripetono nel tempo con particolare frequenza, questi potrebbero indicare la presenza di una patologia di una certa importanza.
Vanno dunque indagate le cause che provocano, ad esempio, reflusso gastroesofageo, digestioni difficili (dispepsia), gastriti, coliti, stipsi, stitichezza, intestino irritabile.

Lo specialista gastroenterologo si avvale dell’endoscopia, un procedimento che, per mezzo di un particolare strumento munito di apparati ottici e di illuminazione, si introduce per via naturale e consente la visione della superficie interna dei condotti, di organi cavi comunicanti con l’esterno, di cavità sierose, allo scopo di rilevarne le eventuali alterazioni anatomiche.

La Colonscopia

La colonscopia permette al medico di esaminare direttamente l’interno del Grosso Intestino. Durante l’esame può essere necessario fare delle biopsie, in modo semplice ed indolore. Le biopsie sono dei prelievi di mucosa destinati ad essere esaminati al microscopio. Le biopsie vengono eseguite per la diagnosi di svariate
malattie.

Altre manovre operative, permesse dallo strumento usato, quali l’asportazione di polipi, sono delle procedure di tipo chirurgico che in passato necessitavano di un vero e proprio intervento. Qualsiasi tipo di intervento terapeutico sarà dettagliatamente spiegato al paziente prima di venire effettuato, al fine di ottenere il consenso informato. È molto importante che l’intestino sia ben pulito per permettere all’operatore una visione ottimale, in caso contrario l’esame dovrà essere
ripetuto. Si devono eseguire pertanto con diligenza le prescrizioni del personale infermieristico e le indicazioni contenute nella modulistica consegnata al paziente.

Prima dell’esame può essere somministrato un sedativo. Il paziente potrà concordare con il medico endoscopista il tipo di sedazione più opportuno per il suo caso, valutando approfonditamente benefici ed eventuali problematiche.

La Gastroscopia

L’esofago-gastro-duodenoscopia (EGDS) è una procedura diagnostica che consente al medico endoscopista di esaminare direttamente l’interno dell’esofago, stomaco e duodeno, mettendo in evidenza eventuali alterazioni. Per far questo utilizza una sonda particolare, lunga e flessibile, il gastroscopio, che ha un diametro di circa 1 cm e che possiede una telecamera e una luce sulla punta. La gastroscopia deve essere eseguita a digiuno dalla mezzanotte precedente.
Sintomi come dolore, nausea, vomito o difficoltà di digestione non sono sempre caratteristici di una particolare patologia, quindi l’EGDS è indispensabile per identificare la causa del disturbo e impostare una terapia adeguata. È utile anche per individuare la fonte di un sanguinamento a partenza da esofago, stomaco, duodeno o di alcune anemie da causa ignota. Le biopsie consentono di avere una diagnosi precisa e mirata.

Prenota ora:

Prenota a Orzinuovi
Prenota a Crema

Macchine